Michele Licata

Compie gli studi artistici presso l’istituto Statale d’Arte delle sua città con i maestri, Germano Belletti e Biagio Brancato. Nel 1962 terminati gli studi, lavora a Comiso insieme con altri giovani nei laboratori di via Ferreri, considerati dai critici, fucina di artisti; insieme con loro partecipa a diverse mostre personali e collettive. Si dedica e organizza nella biblioteca comunale di Comiso interventi culturali, come la prima personale del pittore contadino Francesco Giombarresi. Nello stesso periodo, viene chiamato a insegnare discipline plastiche e pittoriche presso l’Istituto Statale d’Arte di Vibo Valentia.
Nel 1993 inizia l’avventura del "grande sogno", quello di impegnarsi alla realizzazione di istituire nella provincia di Vibo Valentia un’Accademia di Belle Arti, sogno che si realizza nel 1997/98 con il riconoscimento legale da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca. L’Accademia di Belle Arti intitolata al grande artista greco FIDIA oggi è una presenza rilevante nel panorama artistico-culturale della Regione Calabria. Dal 1977 dirige gli Istituti d’Arte di Monreale (PA); l’istituto Statale d’Arte di San Giovanni in Fiore (CS); l’Istituto d’Arte di Luzzi (CS); l’Istituto d’Arte Vibo Valentia, città dove tutt’ora vive e lavora. A partire dagli anni novanta è impegnato alla realizzazione di molte opere monumentali per enti pubblici e privati.