Francesco Correggia

Ha frequentato le Accademie di BBAA di Catanzaro e Milano, città che lo ha avuto insegnante di decorazione a Brera. Negli anni ’70 si è reso promotore della rivista “Pagine 76” e della galleria catanzarese “Studio Garage”, assieme a Luigi Magli e altri artisti di ricerca. Nel 1977 ha eseguito la performance “Segno territorio avanguardia” all’Università Popolare di Napoli. Ha partecipato a numerose rassegne e mostre nazionali e internazionali, tra cui: Biennale di Milano, Palazzo della Permanente (1994); Biennale di Venezia (2011-2009-1993); Musei Civici, Galleria Internazionale d’Arte Moderna “Ca Pesaro”, Venezia (1995); Quadriennale di Roma (1996); “Le universali individualità dell’arte”, Istituto Italiano di Cultura, Vienna(1996); Palazzo Reale a Milano(1998); Premio internazionale Limen arte, Vibo Valenzia (2012). Ha esposto in Gallerie private ed Istituzioni Culturali con mostre personali a Stoccarda, Amburgo, Vienna. Tra queste: “Pittura Italiana”, Brookings Gallery, San Francisco, 2000 e Galerie du Tableau, Marsiglia, 2005. In Italia, tra le personali più recenti, segnaliamo: Galleria Battaglia, Milano; Maon, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Rende (CS); Studio Valmore, Vicenza. Le sue opere si trovano in permanenza presso Istituzioni Museali, quali il Museo di Arte Moderna, MAON, Rende (CS); Museo di Arte contemporanea ’Mattia Preti’, Taverna (CZ); ACG ART Collection – The American Collection College of Greece, Atene. Suo è anche il ciclo di grandi dipinti realizzati ed installati presso il Chiostro di San Lorenzo a Pila, Aosta nel 2006 sul “Genesi”. Partecipa a numerosi dibattiti, convegni e seminari sul pensiero e la riflessione teoretica intorno all’arte. Scrive testi sull’arte contemporanea, progetta e cura mostre sul rapporto fra la parola e l’immagine, la scrittura e la pittura. Nel 2005 promuove con Federico Ferrari un ciclo di conferenze sul tema ”Del contemporaneo” con Jean Luc Nancy e Didi Hubermann, presso il Refettorio delle Stelline, Palazzo delle Stelline, Milano. Nel 2006 pubblica un dialogo con Carlo Sini dal titolo “Il passato futuro della pittura” in “in contrattempo” per i tipi “Mimesis”. Di recente ha pubblicato per i tipi Arcipelago il libro “ Di nuovo il senso“; un passaggio nel contemporaneo, tra Arte e Filosofia”, Edizioni Arcipelago, Milano 2007. Del suo lavoro hanno scritto i critici d’arte Cerritelli, Sicoli, Menna, Sgalambro, Crispolti e altri; e gli sono stati stati dedicati alcuni volumi.